Raggiungere l’orgasmo con la stimolazione del clitoride

orgasmo clitorideo

Il piacere sessuale è una sensazione di cui l’uomo non può fare a meno, in quanto permette di raggiungere alte dimensioni di godimento.
In questo articolo ci soffermeremo sul piacere femminile, illustrandoti come raggiungere l’orgasmo con la stimolazione del clitoride.

L’orgasmo clitorideo in cosa consiste

La donna può provare due tipi di orgasmo: il primo legato alla penetrazione, prende il nome di orgasmo vaginale mentre il secondo, che subentra quando il clitoride viene stimolato in maniera adeguata, viene definito orgasmo clitorideo.
Il clitoride è un organo molto sensibile, in quanto dotato di tantissime terminazioni nervose che lo espongono ad alta sensibilità.
Per raggiungere l’orgasmo bisogna toccare il clitoride con le dita oppure stimolarlo con la mano, anche se è possibile fregare lo stesso contro il corpo del partner, praticare sesso orale oppure ricorrere a dei giocattoli sessuali che possono portare la donna a raggiungere questo scopo.
Ad ogni modo, si tratta di un processo che per avere successo richiede impegno e tempo poiché, a differenza dell’uomo, subentrano delle componenti psicologiche che portano la donna a raggiungere l’orgasmo solamente nel caso in cui questa sia predisposta a farlo.

Stimolare il clitoride in maniera corretta

I baci, le carezze e le movenze che il corpo del partner mette in atto sono sicuramente dei punti imprescindibili per raggiungere l’eccitazione, anche se ciò non basta per far sì che il clitoride venga stimolato in maniera corretta.
Per avere successo infatti, è necessario trovare quello che, a detta di molti, viene indicata come la zona di massimo piacere.
Per stimolare il clitoride nella maniera migliore bisogna toccarlo quando la zona non è ancora del tutto interessata dal fenomeno dell’eccitazione, in modo che la pressione esercitata dalle dita possa comportare l’irrorazione del tessuto e l’organo in questione acquisti più sensibilità.
Col passare del tempo il clitoride si esporrà maggiormente e, in seguito alla presenza di un tessuto erettile, potrebbe aumentare le sue dimensioni fino alla fase di massima eccitazione, la quale sarà sicuramente seguita dal raggiungimento dell’orgasmo.
Dopo aver superato questa fase, come succede per l’organo riproduttivo maschile, anche il clitoride andrà incontro ad un periodo refrattario nel quale toccarlo potrebbe risultare fastidioso e doloroso.

Quali sono le posizioni più indicate per raggiungere l’orgasmo clitorideo?

L’orgasmo clitorideo può essere incentivato da alcune posizioni sessuali, le quali potrebbero comportare il raggiungimento dello stesso in maniera più semplice ed efficace.
La posizione del missionario è sicuramente una delle più indicate, poiché la donna va incontro ad uno sfregamento indiretto che potrebbe innescare il raggiungimento dell’orgasmo clitorideo.
Anche la posizione del cucchiaio o quella in cui la donna sta sopra all’uomo sono molto indicate, in quanto quest’ultimo riuscirà a stimolarle il clitoride mentre avviene la penetrazione, consentendole di raggiungere alte vette di piacere.
Ovviamente quando si procede alla stimolazione del clitoride non bisogna esercitare una pressione eccessiva e nemmeno compiere gli stessi movimenti per troppo tempo, poiché questi potrebbero risultare fastidiosi ed invadenti.
È bene ricordare inoltre, che non tutte le donne possono subire il fascino dell’orgasmo clitorideo e che quindi queste non siano portate a raggiungere questo tipo di godimento nemmeno dopo diverse sollecitazioni.
Ad ogni modo, tutto questo ti permetterà di prenderti cura della tua donna e dedicarle le attenzioni che merita, offrendo tutto te stesso per procurarle un piacere che non potrà mai dimenticare e di cui non potrà più fare a meno.

Piccoli consigli utili

Secondo diversi studi, è più facile raggiungere l’orgasmo clitorideo se quando si mette in atto il movimento di pressione si tende ad aumentare il ritmo dello stesso, facendo sì che il clitoride venga esposto a vibrazioni di tipo diverso.
Anche il movimento circolare sembra avere degli effetti benefici sul clitoride poiché, a differenza del classico movimento verticale, riesce ad arrivare in profondità e a sollecitare i nervi localizzati sul clitoride, i quali possono favorire l’orgasmo.
Se vuoi far perdere la testa alla tua compagna, esiste una tecnica che vale sicuramente la pena prendere in considerazione.
Non dovrai fare altro infatti, che alternare le tecniche di cui ti abbiamo parlato e quando noterai che questa sta per raggiungere l’orgasmo, smetti di compiere ogni tipo di movimento.
In questo modo, l’aspettativa della tua donna aumenterà e tu le offrirai la possibilità di prolungare questa sensazione di piacere per un periodo di tempo abbastanza consistente. .